Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




THE BRODSKIJ CONCERTS
tabachXena
tabu
Tabula Rasa
tango
taranta
tecnicamentedolce
time
toccata
treveleni
tribu
trois
turangalila
two


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1997




LES TROIS DERNIERS JOURS DE FERNANDO PESSOA
Teatro Vascello, 21, 22, 23 ottobre 1997
Evento
Rassegna stampa
Testo Antonio Tabucchi
Adattamento e regia Denis Marleau
Traduzione Jean-Paul Manganaro (per l’Éditions du Seuil)
Ensemble Théâtre Ubu
Musica John Rea
Scene e costumi Zaven Paré, Maryse Bienvenu (assistente)
Luci Guy Simard
Trucco Angelo Barsetti
Consulente letterario Stéphane Lépine
Assistente alla regia e direzione generale Michèle Normandin
Concezione video Denis Marleau
Realizzazione video Robert Thuot
Regia video Pierre Laniel
Consulente video Jacques Collin
Suono Nancy Tobin
Direzione tecnica Jean-François Landry
Direzione di produzione Stéphan Pépin
Direzione di palcoscenico Emmanuel Cognée

Interpreti Paul Savoie, Daniel Parent, Daphné Thompson

Produzione Théâtre National Dijon Bourgogne, ACARTE, Fundação Calouste Gulbenkian (Lisbona), Festival de Théâtre des Amériques (Montréal), Théâtre de la Ville (Parigi)

Durata 70 minuti

Ispirato alla figura di uno dei maggiori scrittori portoghesi del primo Novecento, Gli ultimi tre giorni di Fernando Pessoa di Antono Tabucchi vede il protagonista sul letto di morte ricevere la visita dei suoi eteronimi (con cui ha firmato diverse opere): Alberto Caeiro, Alvaro de Campos, Ricardo Reis, Bernardo Soares, Antonio Mora, fino a Pessoa medesimo. Ripreso per la scena da Denis Marleau con il Théâtre Ubu, il testo di Tabucchi amplifica la sua natura di riflessione sull’identità, sull’altro e sul doppio, anche grazie alla tecnologia video con cui prendono forma le diverse incarnazioni dello scrittore, proiettate con precisione millimetrica sopra dei manichini e sullo stesso volto di Daniel Parent.
Il risultato, ricco di una forza evocativo che spesso si carica di inquietudine, è un dialogo interiore spoglio ed essenziale eppure lontano da qualsiasi realismo, complici anche alcuni intermezzi cantati costruiti dal musicista John Rea a partire da alcuni poemi di Pessoa e affidati al personaggio di Ofelia, la sola donna che (si dice) lo scrittore abbia amato.

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008