Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




THE BRODSKIJ CONCERTS
tabachXena
tabu
Tabula Rasa
tango
taranta
tecnicamentedolce
time
toccata
treveleni
tribu
trois
turangalila
two


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 2001




LA TRIBÙ IOTA
Piazzale di Villa Medici,
dal 19 al 23 settembre 2001
Messa in pista Francesca Lattuada
Assistente Arnaud Thomas
Musica Jean-Marc Zelwer
Costumi Odile Hautemulle
Assistenti Tania Heidelberger, Laetitia Guinchard
Luci Eric Loustau-Carrère
Scenografia Philippe Meynard

Interpreti Laëtitia Boumeddane, Isa Munoz, Magali Nouyrigat, Axel Minaret, Nicolas Lourdelle, Aurelius Lorenzi, Camille Decourtye, Régina Trchsler, Olivier Boyer, Julien Cassier, Damien Caufepé, Mathieu Levavasseur, Adrià Cordoncillo, Blai Mateu Trias, Mathieu Duval, Jan Oving

Produzione CNAC, Compagnia Festina Lente, con il sostegno della Region Champagne-Ardenne

La tribù IOta nasce come saggio di fine corso degli allievi del francese Centre National des Arts du Cirque, imprescindibile punto di riferimento di quel fenomeno ribattezzato “Nouveau Cirque” e ormai presente regolarmente nelle maggiori piazze del mondo: ogni anno, la scuola incarica un coreografo esterno di allestire uno spettacolo e nel 2000 è spettato a Fracesca Lattuada, italiana residente in Francia da oltre vent’anni, firmare un’opera che assimila, rinnova e trasforma in profondità il linguaggio circense tradizionale. All’interno di un tendone appositamente innalzato a Villa Medici, sfilano dunque acrobati ed equilibristi, clown e trapezisti, componendo una serie di quadri grotteschi e surreali in cui la magia del circo è però la base di una più complessa costruzione registica: il classico andamento per “numeri” proprio del circo trova una rinnovata forma nella forte struttura narrativa che li contiene, da una parte e nella riscoperta, sotto forma di racconto, delle potenzialità fisiche più segrete ed essenziali dello spettacolo dal vivo. Ne nasce una curiosa ed affascinante avventura, capace di sollecitare e liberare l’immaginario dello spettatore.
Contributo decisivo a La tribù IOta viene inoltre da Jean-Marc Zelwer, autore di musiche che mescolano elementi etnici e reminiscenze felliniane, e da Odile Hautemulle, responsabile dei costumi accesi e visionari che tanta parte hanno nella capacità di fascinazione propria del circo.
A causa della mancata rappresentazione del Gran Ballo della Compagnia Montalvo-Hervieu, dovuta al lutto per l’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001, lo spettacolo della Lattuada inaugura di fatto l’edizione di quest’anno del Romaeuropa Festival.

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008