Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




THE BRODSKIJ CONCERTS
tabachXena
tabu
Tabula Rasa
tango
taranta
tecnicamentedolce
time
toccata
treveleni
tribu
trois
turangalila
two


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1996




TOCCATA
Giardino del Museo degli Strumenti Musicali,
11, 12 luglio 1996

Evento
Multimedia
Rassegna stampa

Introduzione allo spettacolo
Bach in movimento
Classici moderni e postmoderni Coreografia Anne Teresa de Keersmaeker
Ensemble Rosas
Musica Johann Sebastian Bach (Toccata BWV 914, Fantasia e Fuga in la bemolle BWV 904, Suite francese V BWV 816, Sonata in re bemolle BWV 964, Num Komm’ der Heiden Heiland)
Analisi musicale Georges-Elie Octors
Consulenza danza barocca Irene Ginger
Direzione tecnica Luc Galle
Direzione palcoscenico Frank Vandezande
Scenografia Herman Sorgeloos
Luci Remon Fromont
Direzione luci Guy Peeters
Costumi Carine Lauwers
Supervisione costumi Nathalie Douxfils
Calzature Yvonne Hamstra

Interpreti
(danzatori) Marion Ballester, Vincent Dunoyer, Suman Hsu, Marion Levy
Interpreti (musicisti) Jos van Immerseel

Produzione
Rosas/La Monnaie-De Munt, in collaborazione con Holland Festival (Amsterdam), Octobre en Normandie (Rouen), Theater am Turn (Frankfurt am Main)
Durata 70 minuti

Tra le più innovative coreografe europee, a soli 36 anni artista residente a La Monnaie con Rosas, la sua compagnia, Anne Teresa de Keersmaeker porta al Romaeuropa Festival un lavoro del 1993, Toccata, costruito lungo cinque brani di Bach eseguiti dal vivo dal pianista Jos van Immerseel. Da sempre attenta nell’uso di partiture musicali complesse e capaci di assumere un ruolo preponderante all’interno dei suoi spettacoli (l’elenco va da Schönberg a Steve Reich), la coreografa fiamminga ha dovuto compiere un lungo lavoro di analisi nei confronti del vocabolario musicale di Bach, al fianco di Georges-Elie Octors, prima di affiancargli le invenzioni visive e gestuali che guidano i quattro danzatori in scena: è anche per questo che, come scrive il critico olandese Willem van Toorn, la Keersmaeker «ci ha insegnato a guardare la musica». Oltre una toccata, una fantasia e fuga, una suite francese ed una sonata, verrà eseguito il corale conclusivo Num Komm’ der Heiden Heiland, aggiunto solo dopo la prima di Amsterdam.

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008