Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




sabbia
sadness
sanchezheredia
SANDGLASSES (Clessidre)
santacecilia.berlioz
santacecilia.berlioz2
scandijazz
schema
scola
senor
settembre
seventh
sguardodellaltro
shadow
shadows
Shuffle Bach
sinfoniamundial
soap
soldier
solistifarnese
solistimedici
solo
solopiano
sonar
sonatine
soon
sortie
sourvivants
staatPick
stanza
start
still
suenoartemis
suenos
sufi
sufi00
suonoverde
surphase
surprisesdelamour


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1990




SUEÑOS FLAMENCOS

Villa Medici, 11, 12 luglio 1990

Evento
Rassegna stampa

Il Baile inannzitutto
Cristina por Cristina
Cristina Hoyos, l'inconscio della SpagnaRegia Cristina Hoyos
Coreografia Cristina Hoyos, Manolo Marín
Ensemble Ballet Cristina Hoyos
Musica Arringa, Fraire, Hoyos
Costumi Justo Salao, Cornejo
Luci Paco Donis
Suono Jesus Molina
Danzatori Cristina Hoyos, Juan A. Jemenez, Juan Parades, Juan Ortega (Segurilla - Lamento), Fernando Romero (Farruca Sobriedad), Manuela Reyes, Macarena Bejar, Rosario Cala (Bamberas - Ensueño), Manuela Reyes, Macarena Bejar, Rosario Cala, Charo Cruz, Juan A. Jemenez, Juan Parades, Juan Ortega, Fernando Romero (Tangos - Misterio), Cristina Hoyos (Taranto - Pasión), Manuela Reyes, Macarena Bejar, Rosario Cala, Charo Cruz, Juan A. Jemenez, Juan Parades, Juan Ortega, Fernando Romero (Alegrias - Compas), Cristina Hoyos (Solea por Bulerias - Solera), tutta la compagnia (Bulerias - Jubilo)
Musicisti Arriaga (chitarra), Franco (chitarra), Eugenio Iglesias (chitarra), Juan José Amador (voce), El Extremeno (voce), Manolo Se villa (voce)

Produzione tournée italiana in collaborazione con ATER, Associazione Teatri Emilia Romagna

Conosciuta per le sue memorabili interpretazioni nelle coreografie di Antonio Gades (in Italia si ricorda soprattutto la sua Carmen a Spoleto nel 1984) e nei capolavori di Carlos Saura, Cristina Hoyos propone con la sua compagnia una sorta di antologia del flamenco, la celebre danza tradizionale sivigliana che porta sui palcoscenici di tutto il mondo fin dall’età di 12 anni.
Affidato ad otto ballerini ed a Manolo Marín, con il quale la Hoyos ha curato la coreografia, lo spettacolo si articola in diversi quadri, alternando il virtuosismo delle esibizioni soliste (Farruca, Taranto, Solea por Bulerias) al respiro ampio dei numeri che coinvolgono l’intero ensemble e ne mostrano il grande affiatamento: il risultato è un percorso lungo la storia, i costumi e le emozioni di un popolo, rivissuti attraverso una danza in cui tutto ciò si è sedimentato nei secoli e di cui Cristina Hoyos rimane una delle interpreti più intense e creative.


indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008