Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




sabbia
sadness
sanchezheredia
SANDGLASSES (Clessidre)
santacecilia.berlioz
santacecilia.berlioz2
scandijazz
schema
scola
senor
settembre
seventh
sguardodellaltro
shadow
shadows
Shuffle Bach
sinfoniamundial
soap
soldier
solistifarnese
solistimedici
solo
solopiano
sonar
sonatine
soon
sortie
sourvivants
staatPick
stanza
start
still
suenoartemis
suenos
sufi
sufi00
suonoverde
surphase
surprisesdelamour


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1995




LA STANZA DI ALDO
Giardino del Museo degli Strumenti Musicali,
17 luglio 1995
Balletto per sei danzatori liberamente ispirato all'opera di Aldo Busi

Regia e coreografia Enzo Cosimi
Danzatori Corinna Anastasio, Rachele Caputo, Enzo Cosimi, Luigi Doddo, Valentina Marini, Michele Simonetti
Scene e costumi Daniela Dal Ciri
Colonna sonora a cura di Enzo Cosimi
Musica John Zorn, Erik Satie, Luca Spagnoletti, Thu 20
Disegno luci Luca Storari

Amministrazione Gerarda Ventura
Promozione e organizzazione Francesco Cantalupo
Produzione Compagnia di Danza Enzo Cosimi, Romaeuropa Festival '95
In collaborazione con Teatro Mancinelli di Orvieto
Durata 60 minuti

Dopo aver indagato attraverso le creazioni precedenti il rapporto fra mito, narrazione e danza, ponendo al centro delle sue coreografie la figura dell’eroe, Enzo Cosimi torna al Romaeuropa Festival con La stanza di Aldo, un lavoro immerso negli elementi “bassi” e nutrito dell'immaginario dello scrittore Aldo Busi - già incontrato nel precedente Seminario sulla gioventù.
Cosimi affonda la propria verve creativa nell’opera dello scrittore per ricostruire atmosfere molteplici dal genere fortemente caratterizzato: la fantascienza, l'orrore, l'assurdo vengono così rievocati attraverso il linguaggio della danza che crea una incredibile convivenza fra elementi di comicità e contesto pienamente astratto. Lontano dalle grandi impalcature intellettuali e dal vitalismo che hanno segnato le sue coreorgafie per un decennio, Cosimi muovendosi dall’orizzonte emotivo, irrazionale, di riflessione intellettuale, approda ad un universo oggettivo che incorpora, in un formalismo astratto, elementi grotteschi e di comicità. Una sorta di “eccesso intelletuale”, ammantato di ironia e humor nero, accompagnato da sonorità fatte di "eccessi nervosi" di John Zorn alternati agli "eccessi di delicatezza" di Erik Satie.

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008