Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




obscure
OJM.chausson
omaggioanono
omaggioaxenakis
omaggioaxenakis94
ombra
ombraF
onytombeonytombe
opiate
orchCant
Orchestra Sinfonica Abruzzese direttore Marcello Bufalini
oresteia
Orgy of Tolerance
osservatorioII


Home | Lista Eventi

  STAMPA
OBSESSION   
SABURO TESHIGAWARA/KARAS
7 -8 ottobre Teatro Eliseo

Eros e Thanatos, le pulsioni di vita e morte che regnano sull'agire degli esseri umani, abitano lo spettacolo inaugurale del Festival Romaeuropa: "Obsession" un duo di assoluta bellezza coreografica creato da Saburo Teshigawara, uno dei maestri internazionali della danza contemporanea.
Per questo lavoro il coreografo e danzatore giapponese ha voluto ispirarsi liberamente al cortometraggio del 1929 "Un chien andalou" di Luis Bu?, scritto dallo stesso regista con Salvador Dalí: protagonista è la pulsione erotica che come una scarica elettrica attraversa la donna e l'uomo. Considerata uno dei risultati più importanti del cinema surrealista, la pellicola è all'apparenza un susseguirsi di scene sconnesse, ma in realtà tra loro incatenate da una grammatica inconscia e profonda.
Nulla di più appropriato come punto di partenza per il lavoro del coreografo giapponese: l'universo surrealista di Bu? e Dalí, con il suono della macchina da proiezione e il tango della colonna sonora di "Un chien?", è così il punto di partenza per una danza di rigore e nitidezza prodigiosi che riplasma fluidamente i corpi. Interpretato dallo stesso Teshigawara e dalla affascinate Rihoko Sato, danzatrice che da anni collabora con lui, in "Obsession" i conflitti interiori e la fisicità, il desiderio, l'attrazione si fanno fluidi acquistando spinta e forza drammatica in una serie di incontri impossibili e mancati.
Dopo studi di danza classica e arti visive, dalla metà degli anni Ottanta Teshigawara ha sviluppato con i suoi lavori un linguaggio che ha orientato in maniera nuova la danza contemporanea e il teatro ben oltre il suo paese, il Giappone. Con la sua compagnia, Karas (Corvo) all'originalità del movimento e del suo lavoro sul corpo, usato come materiale plastico e mutevole, ha abbinato costumi e ambientazioni di grande originalità, disegnate da lui stesso. La creazione di spazi scenici di segno forte e inconfondibile ha portato risultati che trascendono il normale spettacolo di danza, aprendosi a una dimensione di installazioni coreografiche dal profondo respiro compositivo, dove ideogrammi corporei si identificano con una sensibilità scultorea contemporanea.


indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008