Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




NASDAQ MATCH 0.2
naturalmentetua
neues
nioc
Nomad Voices of Central Asia
nono
nordico97
Not for Piano
notteconrossellini
nottejazz
nottetango
nottidelflamenco
notturni
nousnesommes
novitango
Nude
nuitasaintgermain
nuovascena92
nuovascenavideo
nuovesinc98
nuovisp5
nuovisp92
nuovisp93
nuovispComp
nuovispComp92
nuovispComp93
nuovispKur
nyman
nymanarabo


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1988


Luigi Nono

COMO UNA OLA DE FUERZA Y LUZ;
DOPPIO CONCERTO GROSSO; OMBRE
Villa Medici, 13 luglio 1988
Evento
Rassegna stampa

Il cammino irreversibile Musica Luigi Nono (Como una ola de fuerza y luz), Claudio Ambrosini (Doppio Concerto Grosso), Giacomo Manzoni (Ombre – in memoria di Che Guevara, 1968)
Direzione orchestra Gregorz Nowak
Direzione coro Fulvio Angius
Ensemble Orchestra Sinfonica e Coro della RAI di Roma, Ex Novo Ensemble (Aldo Orvieto, pianoforte; Alvise Vidolin, regia sonora; Daniele Ruggieri, flauto; Davide Teodoro, clarinetto; Pierluigi Fabretti, oboe; Diego Cal, tromba; Massimo Capelli, corno; Stella Cappellini, sax; Carlo Lazari, violino; Luisa Messinis, violino; Mario Paladin, viola; Alessandro Zanardi, violoncello; Mauro Muraro, contrabbasso; Annunziata Dellisanti, percussioni)
Solisti (Como una ola de fuerza y luz) Carmen Fuggis (soprano), Giuseppe Scotese (pianoforte)

Nell’ambito di un’esplorazione della musica contemporanea, centrale in questa edizione del festival del 1988 che vede come protagonisti anche Boulez, Xenakis e Bussotti, non poteva mancare un concerto che fosse un reale omaggio a tre dei maggiori compositori italiani, Luigi Nono, Claudio Ambrosini e Giacomo Manzoni. Le tre composizioni hanno un filo comune, lo sguardo “civile” e “politico” che non dimentica di osservare e riflettere sul mondo, anche nelle più coraggiose sperimentazioni nella quali il senso ed il suono si saldano in un tutt’uno. E così mentre la partitura di Manzoni, Ombre: alla memoria di Che Guevara (che non a caso ha un’assonanza con lo spagnolo “hombre”) composta nel 1968 ad un anno della scomparsa di Guevara - a cui è dedicata - suona come ulteriore omaggio nel sessantenario della nascita del grande rivoluzionario; l’opera di Luigi Nono (letteralmente, “come un’onda di forza e luce”), scritta tra il 1971 e il 1972 sulla scia degli eventi cileni, è dedicata alla figura di Luciano Cruz, protagonista della sinistra rivoluzionaria morto, come spesso accade a chi ha tanto lottato contro il potere, in circostanze misteriose.
L’interpretazione, animata da un certo trascinamento eroico è stata affidata all’Orchestra Sinfonica e Coro della RAI di Roma, affiancata dall’Ex Novo Ensemble, per il brano di Claudio Ambrosini che, fondatore e direttore del complesso nonché ex “pensionnaire” di Villa Medici, ha composto, proprio durante il suo anno di permanenza alla Villa, il Doppio Concerto Grosso, ponte tra passato e contemporaneo musicale, omaggio alla barocca anima romana e stimolo ad una più attenta percezione del suono.

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008