Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




ma
Madeleine
mahabhaCine
mammame
Mannarino dj guests Bar della Rabbia Groove live concert dj set
Marc Ducret in concert
mariacallas
martha
martiredesaintsebastien
mass
melies
melologo
METAL MUSIC MACHINE
METROPOLIS
mihannovistobaciare
missione
missk
mix
MO
monsters
morais
morgana
mortderire
mostrabors
musica900
musicaeliberta
musicafarnese
musicamed
musicarussia
musicaXXI
musicaXXI02
musicaXXI03
musichedellarivoluzione
musichediff
musichestep
musicheviag


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1992




MUSICA DEL NOVECENTO
Palazzo Farnese, 24 giugno 1992
Evento

Petit: la sfida della memoria
Durville, biologo della musica
Imac
Points on the curve to find
Hommage et profanation
Musica Pierre Boulez (Derive I), Philippe Durville (Imac, per 20 strumentisti)*, Luciano Berio (Points on the curve to find, per 15 strumentisti e piano solo), Arnaud Petit (Hommage et Profanations: I parte Inspiration, per 22 strumentisti e mezzo soprano)
Interpreti Ensemble Itinéraire
Direzione Pascal Rophé
Solisti Alain Neveux (pianoforte), Marie Boyer (mezzosoprano)

*I esecuzione assoluta della nuova versione

L’Ensemble Itinéraire che da tempo si è imposto sulla scena musicale internazionale per l’attenzione rivolta alla musica contemporanea e la sperimentazione di particolari gamme sonore attraverso un trattamento degli strumenti con mezzi elettronici, presenta un concerto perfettamente in linea con la propria identità: quattro opere di altrettanti compositori contemporanei, due maestri quali Pierre Boulez e Luciano Berio e due giovani borsisti di Villa Medici, Philippe Durville e Arnaud Petit.
Accanto a Derive I (1974) di Pierre Boulez, interpretato dall’Ensemble in modo affatto astratto, il programma ha presentato Imac (per 20 strumentisti) di Philippe Durville, opera per la quale il compositore si è avvalso, nella costruzione dell’immagine sonora, dei risultati delle ricerche sulla psicoacustica. Ed al fianco di Points on the curve to find di Luciano Berio, concepita come una struttura in cui sul tracciato di una curva (la linea fonica del pianoforte) convergono altre linee (gli strumenti) in modo da farne emergere i caratteri armonici, ovvero la peculiarità, l’Ensemble ha interpretato, a chiusura della serata, Inspiration di Arnaud Petit - prima parte del trittico Hommage et Profanations – opera ispirata al sottile rapporto fra tempo (memoria) e spazio nella omonima poesia di Octavio Paz - «ma la memoria smembrata nuota / dai germogli del suo nulla / dalle sorgenti della sua nascita / nuota contro corrente e precetti / nuota contro il nulla» (Octavio Paz).

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008