Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




ma
Madeleine
mahabhaCine
mammame
Mannarino dj guests Bar della Rabbia Groove live concert dj set
Marc Ducret in concert
mariacallas
martha
martiredesaintsebastien
mass
melies
melologo
METAL MUSIC MACHINE
METROPOLIS
mihannovistobaciare
missione
missk
mix
MO
monsters
morais
morgana
mortderire
mostrabors
musica900
musicaeliberta
musicafarnese
musicamed
musicarussia
musicaXXI
musicaXXI02
musicaXXI03
musichedellarivoluzione
musichediff
musichestep
musicheviag


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1987




MAMMAME - Atto I, Le désert d’Arcadie,
Atto II, Les enfants qui toussent
Villa Medici, 6 luglio 1987
Evento
Rassegna stampaCoreografia Jean-Claude Gallotta
Ensemble Compagnia Emile Dubois
Musica Henry Torgue
Interpreti Eric Alfieri, Mathilde Altaraz, Muriel Boulay, Cristophe Delachaux, Jean-Claude Gallotta, Pascal Gravat, Déborah Salmirs, Viviane Serry, Robert Seyfried

Produzione in collaborazione con E lucean le stelle e il Centro Ricerche Spettacolo Il Labirinto

Realizzato originariamente in coproduzione con la Maison de la Culture di Grenoble e il Festival di Avignone, lo spettacolo sintetizza i due episodi di Mammame, Le désert d’Arcadie e Les enfants qui toussent, ed è il biglietto da visita con cui Jean-Claude Gallotta, enfant terrible della nouvelle danse francese, si è presentato a Roma. Grazie alla Compagnia Emile Dubois, che il giovane coreografo dirige fin dalla sua nascita, nel 1979, Gallotta porta alla ribalta una danza anarchica ed iconoclasta, che risente volutamente di una mancanza di studi classici e obbedisce ad un linguaggio quotidiano e surreale al tempo stesso: «Ho immaginato – afferma lo stesso Gallotta – che in un deserto dell’Africa del Nord i tedeschi abbiano lasciato dei bambini, i quali crescono insieme nello stesso territorio, senza memoria. E il loro viaggio è il tentativo di ritrovare la visualità perduta. I personaggi sono come i bambini che cercano di sollevarsi e poi cadono di nuovo. Qualcosa a metà tra gli uomini e gli animali”» (in Valeria Fortini, I “ragazzi selvaggi” di Gallotta, “Corriere della Sera”, 6 luglio 1987).
La scenografia spoglia e le musiche, eseguite per solo pianoforte dal compositore Henry Torgue, amplificano il carattere essenziale e apparentemente improvvisato dello spettacolo, la cui semplicità, unita alla capacità di inquietare lo spettatore, vorrebbe rappresentare, secondo il suo stesso autore, una vera e propria «rivincita di Kafka».

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008