Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




faust
faust3.0
FAUST-SYMPHONIE
festadellamusica
festaref
festaref02
festaref04
festaU
fine
firstext
fiumedimusica
Flocking
focus
foi
foranend
foray
fram
framerate0_primo esperimento
frauenballet
frontiere


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1992




POUR MG: THE MOVIE; FORAY FORET;
ONE STORY AS FALLING
Villa Medici, dall'8 al 12 luglio 1992
Evento
Rassegna stampa

Bagouet / Brown: Un Incontro
Un mistero concreto
Coreografia Trisha Brown
Interpreti Trisha Brown Company, Compagnia Dominique Bagouet

POUR MG: THE MOVIE (1991)
Musica
Alvin Curran
Luci Spencer Brown
Costumi Trisha Brown
Danzatori Trisha Brown, Liz Carpenter, Nicole Juralewicz, Kevin Kortan, Will Swanson, David Thomson

FORAY FORÊT (1990)
Scenografia Robert Rauschenberg
Luci Spencer Brown
Musica di banda
Danzatori Trisha Brown, Liz Carpenter, Nicole Juralewicz, Kevin Kortan, Gregory Lara, Carolyn Lucas, Diane Madden, Trish Oesterling, Will Swanson, David Thomson

ONE STORY AS FALLING (1992)
Scenografia e costumi Roland Aeschilimann
Musica Alvin Curran
Costumi Dominique Lacoustille
Luci Spencer Brown
Danzatori Hélène Cathala, Matthieu Doze, Dominique Jégou, Gregory Lara, Sylvain Prunenec, Fabrice Ramalingom, Will Swanson, Juan Manuel Vicente

Nel 1989 Dominique Bagouet, coreografo in residenza presso il Centre Chorégraphique National de Montpellier, invita, per qualche mese, la coreografa americana Trisha Brown ad assumere la direzione del centro ed a guidare i suoi danzatori. L’offerta di Bagouet sollecita in modo specifico due interessi della coreografa americana: lavorare con un importante gruppo di danzatori francesi e sviluppare un progetto di collaborazione con la Francia che, sin dall’inizio, sostiene la sua attività.
Nasce così One story as falling, la prima coreografia creata da Trisha Brown appositamente per danzatori francesi. La scena, delimitata agli angoli da parallelepipedi bianchi, vede muoversi un gruppo di ballerini in giallo attorno all’unica solista donna, in bianco: all’interno delle figure geometriche, i danzatori appaiono come blocchi gelidi e impersonali, mentre eseguono disegni coreografici che richiamano la danza-architettura del Bauhaus, simbolo di un movimento asciugato da ogni spettacolarità.
Tracce di geometria, riconoscibile segno ieratico della danza della Brown (anch’essa in scena), sono l’anima di Pour MG: the movie, la prima delle tre creazioni nate dal soggiorno in Francia della coreografa: i ballerini, vestiti in rosa, muovendosi a scatti, compiono ripetitivi percorsi in una coreografia quasi scultorea, dove «ogni movimento è l’ultimo», ma «anche l’inizio del seguente».
Infine, in Foray forêt, pièce ispirata alla vita nella foresta, l’evocazione di un mondo distante e lontano vive da una parte attraverso le azioni che, come giocando con le diverse parti del corpo, si rimandano l'una all’altra, e dall’altra nella potenza della scenografia di Rauschenberg che, nelle luci dorate e argentee, ricorda un paesaggio lunare, essendo la luna, come afferma la stessa Brown, simbolo di «un mondo astratto dotato di una propria spiritualità».
Tre coreografie che manifestano la totale passione della Brown per l’analisi del movimento, che è interno, ma anche esterno: geometrie che nel rapporto verticale-orizzontale liberano la memoria del corpo e quella dello spirito.

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008