Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




Dance n 3
dancing
danish
danzagiap
danze
danzeflamenco
danzevulcano
daphnisetchloe
dasglasimkopf
deepsong
defile
dela
demoni
diana
dibango
doctorF
drifting
dueconc
duegiornate
Dunas
duo
durantelacostruzione
durutticolumn


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1996




RADICAL GRAHAM: CINQUE COREOGRAFIE
Giardino del Museo degli Strumenti Musicali,
15, 16, 17 luglio 1996

Evento
Multimedia
Rassegna stampa

La vetta del Parnaso
"Martha": un ricordo SATYRIC FESTIVAL SONG (1932)
Musica Fernando Palacios
Ricostruzione Diane Gray, Janet Eilber

DEEP SONG (1937)
Musica Henry Cowell

MAPLE LEAF RAG (1990)
Musica Scott Joplin
Arrangiamenti Chris Landriau
Pianoforte Donald Berman

CAVE OF THE HEART (1946)
Musica Samuel Barber

CHRONICLE (1936, estratti: Spectre-1914, Steps in the Street, Prelude to Action)
Musica Wallingford Riegger
Arrangiamenti (Spectre-1914, Prelude to Action) Stanley Sussman

Ensemble Martha Graham Dance Company
Costumi Martha Graham, Donna Karan, Calvin Klein
Luci David Finley, Jean Rosenthal, Steven W. Shelley
Direzione artistica Ronald Protas
Direzione generale Douglas H. Mau
Scenografia Isamu Noguchi

Danzatori Takako Asakawa, Elizabeth Auclair, Kevin Boseman, Terese Capucilli (solista), Katherine Crockett, Christine Dakin (solista), Donlin Foreman, Gary Galbraith, Sandra Kaufmann, Martin Lofsnes, Peter London, Krisha Marcano, Virginie Mécène, Rika Okamoto (solista), Miki Orihara, Alexandre Proia, Alessandra Prosperi, Peter Roël, Matthew Rose, Fang-Yi Sheu, Amanda Thomas, Stepahanie Tooman

Un omaggio ad una delle personalità più eminenti della danza del Novecento da parte della compagnia newyorkese che ella stessa ha fondato e che porta il suo nome, la Martha Graham Dance Company: cinque coreografie, da Satyric Festival Song, del 1932 a Maple Leaf Rag, del 1990, per rivivere alcuni dei momenti maggiormente significativi dell’opera di un’artista che ha rappresentato un imprescindibile punto di riferimento per le generazioni a venire e il cui magistero rimane tuttora intatto. La storia, il mito classico, ma anche l’impegno sociale e politico percorrono questi lavori conferendo loro uno spessore che va al di là della pura ricerca formale: basterebbe pensare a Deep Song, scritto dalla Graham durante la guerra civile spagnola, o alla denuncia degli orrori di ogni conflitto in Chronicle, di cui vengono presentati tre brani grazie al paziente lavoro di documentazione storica e ricostruzione delle coreografie originarie compiuto da Carol Fried, Terese Capucilli, Diane Gray e dallo stesso Ronald Protas. Cave of the Heart rilegge d’altra parte il mito di Medea, in un allestimento in cui un ruolo determinante è giocato dalle sculture di Isamu Noguchi, mentre Maple Leaf Rag, costruito su un ragtime di Scott Joplin, è l’opera, leggera e briosa con cui la Graham, all’incredibile età di 97 anni, ha scelto di congedarsi dal suo pubblico.

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008