Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




Dance n 3
dancing
danish
danzagiap
danze
danzeflamenco
danzevulcano
daphnisetchloe
dasglasimkopf
deepsong
defile
dela
demoni
diana
dibango
doctorF
drifting
dueconc
duegiornate
Dunas
duo
durantelacostruzione
durutticolumn


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1987




DAS GLAS IM KOPF WIRD VOM GLAS
Villa Medici, 11 e 12 luglio 1987
Evento
Multimedia
Rassegna stampaRassegna stampa

«Das Glas, per il coreografo belga, è un omaggio all’invisibile, al bello che in quanto tale è sconosciuto, una concessione al suo personalissimo modo di intendere l’arte e la danza, dove più che il movimento conta il sovrapporsi ricorrente delle cose, dei materiali: come le mille forbici dalle lame lucenti che spuntano dall’alto minacciose e fredde; come le corazze di metallo nelle quali sono sigillati due ballerini per tutto il tempo dello spettacolo; o i lacci delle scarpine che legano le mani delle donne, dello stesso colore e materiale del fondale e dei costumi. I quali, a un certo punto, cadono per lasciare tutte in reggiseno e mutandine nere, a danzare sulle punte movimenti lentissimi e uguali, come in un rito macabro e sinistro.
Fabre, che era già stato a Roma con Il potere della Follia teatrale, [...] ha lasciato vagamente attonito il pubblico di Villa Medici. Al quale, per invitarlo ad alzarsi, una voce al microfono ha dovuto annunciare che lo spettacolo era terminato».
(Valeria Fortini, Usa i lacci da scarpe per le mani femminili, Corriere della Sera, 14 luglio 1987)

«Fabre aveva già debuttato a Roma due anni fa con Il potere della Follia teatrale, una lunghissima catena di materiali danzati, recitati, messi in scena, con innumerevoli citazioni da tutto il teatro d’avanguardia da Bob Wilson a Pina Bausch. Lo spettacolo durava oltre cinque ore e l’impatto sul pubblico era notevole. Questo Das Glas è assai più breve – un’ora e venti circa – ma è solo il frammento di una più ampia trilogia.
Quanto era denso e pregno di intenzioni il primo spettacolo tanto è limpido e rarefatto questo, con una tensione bassa ma ininterrotta che si tende come un filo elettrico dalla prima all’ultima immagine. [...]
L’impressione è che Fabre abbia costruito un bersaglio perfetto e l’abbia poi perfettamente centrato servendosi di un’unica freccia. La maestria nel tendere l’arco è indiscussa, così come indiscussa è la compiuta espressione dell’idea. Resta da vedere se il principio ispiratore di quell’idea può essere condiviso. Per ora spira dal quadro un’aria di inquietante efferatezza che sconcerta».
(Donatella Bertozzi, Su il sipario, vola il barbagianni, Il Messaggero, 17 luglio 1987)

«Se volessimo indire una palma per lo spettacolo più inutile, più punitivo e più noioso dell’estate, il premio toccherebbe senz’altro a Das glas im kopf wird vom glas, “balletto” del regista belga Jan Fabre presentato in prima assoluta a Roma per il Festival di Villa Medici. [...]
Gli spettatori ridono, sospirano, tossiscono imbarazzati, sbadigliano, fischiano, battono i piedi per protesta e s’allontanano guardandosi l’uno con l’altro tra il divertito e il costernato.
Non c’è stimolo alcuno: solo tedio. Solo il colore dello zero, del nulla. Qual è il senso, il significato o il fine di tutto questo? Forse un sadismo male espresso dell’autore, un furore buio che non sa descriversi. Neppure come passione distruttiva, o come provocazione. Soltanto come malessere vano e pesante, definizione estrema di un complesso di castrazione che nell’esasperata simbologia delle forbici e dei capelli cerca la sua rappresentazione».
(Leonetta Bentivoglio, Fabre, la noia e troppe forbici, la Repubblica, 15 luglio 1987)

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008