Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




CANTO FERMO INCANTO - B-A-C-H L ARTE DELLA FUGA
cabiria
calambre
callcalmo
cantastorie
cantateinscena
cantico
Cantieri TEMPS D'IMAGES 2009 e Temps d'écoles d'images
cantoesiliato
cantosard
carmen
casa
casadesusDukas
Cassius dex n fx full live set
cavalieri
celluloidflesh
cerv
chaslinDusapin
cher
children
chronica
cinelatino
cinemaerivoluzione
circulodemadrid
city
compAccademia
compositorivilla
concerto2e2m
concertoambrosini
concertomaras
concertoRAI
concertoterracini
conf
contemp97
contemp99
Corbeau
correvacome
cost
cyp


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1990




CONCERTO SU MUSICA DI DUKAS, VARÈSE, RAVEL, MESSIAEN

Villa Medici, 27 luglio 1990

Evento

L’apprenti sorcier
Concerto in Sol Maggiore
Intégrales
Les Offrandes oubliées
La Valse
Musica Paul Dukas (L’apprenti sorcier), Edgar Varèse (Intégrales pour ensemble à vents et percussion), Maurice Ravel (Concerto in Sol, La Valse), Olivier Messiaen (Les Offrandes oubliées, méditation symphonique)
Ensemble Orchestre National de Lille
Direzione orchestra Jean-Claude Casadesus
Solista Georges Pludermacher (pianoforte)

Dopo lo spettacolo evento a fianco di Manu Dibango, l’ Orchestre National de Lille torna ad un’esecuzione più tradizionale con un concerto che vuole ripercorrere alcuni classici della prima metà del Novecento: un intervallo di anni che ha inciso profondamente sulla storia della musica.
Accanto al capolavoro del perfezionista Dukas, L’apprenti sorcier del 1987, il programma pone la prima prova per orchestra di Messiaen, quel suo Les Offrandes oubliées scritto nel 1930 ad appena ventiduenne, ma già pieno di misticismo e complessità.
In un inizio Novecento tutto giocato fra compresenza di tradizione ed iconoclastia, Varèse ha un ruolo decisivo: il suo Intégrales, composto nel 1926 è nettamente in anticipo sui tempi per l’uso espressivo del rumore e delle dissonanze, oltre che per la particolare fisionomia della strumentazione di soli fiati e percussioni.
Accanto a due innovatori quali Messiaen e Varèse, l’Orchestra ha posto Maurice Ravel, uno dei maggiori rappresentanti dell’impressionismo musicale, ma anche profondo conoscitore della dimensione orchestrale e dei mezzi necessari per ottenerne i risultati espressivi. Del compositore sono stati eseguiti due brani - escludendo il Bolero della sera precedente: da una parte il Concerto in Sol Maggiore (1931) che lascia emergere, più di altre opere, la predilezione per una lineare struttura formale, e dall’altra La Valse, composizione orchestrale che ha il sapore di una vera e propria apologia del valzer non scevra però dell’ironico sguardo francese, scritta originariamente nel 1919 per i Ballets russes di Diaghilev, l’opera, in seguito alla rottura con quest’ultimo, venne coreografata solo dieci anni più tardi, nel 1929, da Ida Rubinstein.


indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008