Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




achterland
acustica
afectos
afg
agon
aguilles
alexeev
alladeen
alle
alterego98
amelia
amorproprio
another
arabesque
armonieXX
arsa
aslongastheworld
atoun
attrito
aziziavecamour


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1997




LES AGUILLES ET L’OPIUM
Teatro Vascello, dal 15 al 18 ottobre 1997
Evento
Multimedia
Rassegna stampa

La sofferenza del ritorno
Intervista a Lepage
Testo e regia Robert Lepage (con brani di Jean Cocteau)
Musica Robert Caux (con brani di Miles Davis, Eric Satie)
Traduzione italiana Franco Quadri
Direttore tecnico Ottorino Neri
Luci Sergio Ciattaglia
Supervisione artistica Jacques D’Amboise
Multi-Image Jacques Collin
Assistente alla regia Paolo Orlandelli
Consulenza tecnica Cristina Menozzi

Interpreti (attori) Nestor Saied
Interpreti (musicisti) Pierluigi Calzolari (tastiere)

Produzione Renato Fontana per Segnali – Culture Engineering (Roma), Michel Bernatchez e Jean-Pierre St-Michel per Ex Machina (Québec), Romaeuropa Festival (Roma)

Durata 70 minuti

Ideato da Lepage nel 1991, L’Aguilles et l’Opium è stato interpretato dall’autore stesso e, a partire dal 1994, anche dall’attore canadese Marc Labrèche, in versione francese e inglese. Quella che viene presentata al Romaeuropa Festival, in prima assoluta, è la versione italiana dello spettacolo, affidata da Lepage, insieme a quella spagnola, all’attore italo-argentino Nestor Saied: solo sul palcoscenico, appeso ad una fune per l’intera durata della pièce, Saied rivive il dramma personale di Lepage attraverso quello di due artisti di culto del Novecento come Miles Davis e Jean Cocteau, entrambi apolidi, entrambi alla ricerca di una via d’uscita da sofferenze sentimentali, entrambi dipendenti dalle droghe (l’eroina per il trombettista nero, l’oppio per lo scrittore francese).
Il risultato è una sorta di teatro musicale da camera, in cui la voce narrante si intreccia con le immagini proiettate su un grande schermo mobile ed estensibile che funge non solo da fondale, ma quasi da interprete dialogante con il protagonista, mentre si alternano sulla scena diversi brani musicali di Davis e le parole di Cocteau (con riferimento particolare alla Lettera agli americani e a quell’insuperato dramma della solitudine che rimane La voce umana).

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008