Filtra: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z | 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9




achterland
acustica
afectos
afg
agon
aguilles
alexeev
alladeen
alle
alterego98
amelia
amorproprio
another
arabesque
armonieXX
arsa
aslongastheworld
atoun
attrito
aziziavecamour


Home | Lista Eventi

  STAMPA



Cartellone 1989



AGON; AS TIME GOES BY; RULES OF THE GAME; IN THE MIDDLE, SOMEWHAT ELEVATED
Villa Medici, 10, 11, 12 luglio 1989
Evento
Rassegna stampa

Agon
As Time Goes By
Rules of the Game
In the Middle, Somewhat Elevated
AGON

Agon è stato il terzo balletto composto da Stravinskij per la nostra compagnia. Stravinskij ed io abbiamo molto discusso i dettagli del balletto: in particolare io desideravo che le danze di corte comprendessero il tradizionale pas de deux, punto forte di tutto il balletto classico. Decidemmo la durata del balletto, fissandola a 20 minuti, ed anche la durata di ciascuna sequenza.
L’opera era stata prevista da Stravinskij e da me per dodici dei nostri tecnici più qualificati. Il suo argomento non è niente altro che la danza stessa; non è un vero e proprio combattimento o una competizione, quanto una costruzione nello spazio, resa con dei corpi in movimento.
Una musica come quella di Stravinskij non può essere illustrata, bisogna cercare di trovare un equivalente visivo a quello che si ascolta. Ed anche se la partitura di Agon è stata scritta per essere danzata, non è così semplice inventare una coreografia di una densità, qualità, varietà e controllo formale simile utilizzando anche la simmetria e l’asimmetria. Robert Craft racconta nelle sue note che Stravinskij aveva visto una antica incisione che rappresentava due suonatori di tromba che accompagnavano un Branle Simple [danza fracese, diffusa nei secoli XVI e XVII, di ritmo binario o ternario, spesso accompagnata dal canto, n.d.r.], e che questo gli aveva suggerito l’idea per una scrittura in canone per questi due strumenti. Ugualmente i due ballerini devono muoversi ciascuno seguendo la partizione di una delle due trombe. È un lavoro di intarsio (come l’ebanista mette insieme le diverse forme e tipi di legno) per svelare agli occhi quello che Stravinskij offre alle nostre orecchie.
George Balanchine

La musica
L’idea di Agon risale al 1950. Stravinskij accompagnava il New York City Ballet nella sua tournée a Londra. Nel corso di una conversazione, Thomas S. Eliot, Lincoln Kirstein e Stravinskij stesso parlarono della necessità di aggiungere un terzo atto ai due balletti “greci” già composti: Apollon e Orpheus. In realtà Stravinskij di greco, conserverà solo il nome “Agon” (combattimento in danza).
Il compositore ha scritto questo balletto - destinato a Balanchine - per dodici ballerini, volendo evocare una lotta fra diversi gruppi o individui utilizzando le numerose combinazioni che gli venivano offerte da questo numero.
L'Agon si riferisce alle antiche danze della Francia del XVII secolo, ma aggiunge subito il compositore «i numeri della partitura evocano le danze di corte, come un quadro cubista ricorda una pipa o una chitarra».
Le date di composizione delle parti successive di Agon hanno la loro importanza: la fanfara inziale (ripetuta alla fine del balletto) è del 1953; nel corso del secondo semestre del 1954 la prima metà dell’opera è già composta, interrotta alla coda che segue la gaillarde. Stravinskij aveva quindi iniziato il balletto con uno stile armonico tonale. L’opera viene ripresa nel 1956, a Hollywood, continuata a Venezia durante l’estate del 1956 e portata a termine nel 1957 negli Stati Uniti.
L’interruzione di circa due anni avvenuta proprio a metà dell'opera determinano il carattere fondamentale di questa composizione che è segnata dal continuo passaggio da episodi tonali e modali ad altri concepiti secondo le più moderne tecniche seriali.
Quest’opera fu data in concerto a Los Angeles, con la direzione di Robert Craft, il 17 giugno 1957, cioè per il settantacinquesimo compleanno del compositore, prima di essere messa in scena da George Balanchine il 27 novembre dello stesso anno.

(in Catalogo Romaeuropa Festival 1989)

indice per artisti
indice per eventi
indice edizioni

photogallery


| Altri
Stagione: 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 00 | 01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08 | 09 | 10 | 11 | 12
Romaeuropa.net | Newsletter | Privacy | Note Legali | Contatti | Chi siamo | Sponsor e Partner | Credit
Fondazione Romaeuropa P.IVA 03830181008